Archivio mensile:agosto 2015

Le dipendenze da sostanze

Le dipendenze: un cortometraggio di grande semplicità che può offrirci un’idea delle principali implicazioni della dipendenza da sostanze psicoattive — ossia capaci di modificare l’attività mentale per la loro influenza sul sistema nervoso centrale —, caratterizzata essenzialmente da manifestazioni quali il Craving, desiderio incoercibile di procurarsi ed usare la sostanza, da sviluppo di Tolleranza, ovvero la necessità di assumere dosi progressivamente maggiori della stessa sostanza per poter sperimentare gli stessi effetti, e da Astinenza, ossia una serie di manifestazioni psico-fisiche spiacevoli dovute all’interruzione della sua assunzione. Questo tipo di dipendenza è dunque caratterizzato da un uso compulsivo ed irrefrenabile di sostanze quali Alcol, Cocaina, Eroina, Nicotina, Cannabis, Allucinogeni, Amfetamine, Inalanti, Psicofarmaci, Antidolorifici, Antinfiammatori, etc. che rappresenta un grosso pericolo per la salute.

 
 
https://www.youtube-nocookie.com/embed/P-Sypm-Q2UE
 

Il testo di questo articolo è distribuito con Licenza CC:
Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-NC-SA 3.0 IT)

Video dal canale Riccardo Usai – su youtube.com

 

Per approfondimenti:
American Psychiatric Association,  DSM – 5, pp. 563-686,  Raffaello Cortina Editore, 2014

Annunci

Esortazioni e consigli sbagliati rivolti alle persone con depressione

In questo post ho inserito un’immagine che illustra una serie di consigli o inviti che a volte le persone che soffrono a causa della depressione si sentono rivolgere, ma nelle vignette dell’immagine quegli stessi consigli vengono rivolti a chi ha altre patologie. Vediamo:

Clicca sull'immagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire

Direste mai “devi sforzarti di più, devi avere maggiore iniziativa, lo stare immobile non ti aiuterà” o qualcosa di simile a chi è impossibilitato nei movimenti a causa di una patologia fisicamente menomante? Continua a leggere Esortazioni e consigli sbagliati rivolti alle persone con depressione