Archivio mensile:maggio 2015

Evento del 31/05/2015: XIV Giornata Nazionale del Sollievo. Medici e psicologi in piazza a Napoli

postit news

Domenica 31 maggio 2015 l’equipe di medici di Terapia Antalgica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II sarà presente a Napoli, in Via Posillipo, angolo largo Sermoneta, dalle ore 10 alle 18 in occasione della “XIV Giornata Nazionale del Sollievo”, promossa dal Ministero della Salute e Politiche sociali, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dalla Fondazione nazionale Gigi Ghirotti per la promozione delle cure palliative e, in particolare, della terapia del dolore. I cittadini saranno accolti da medici e infermieri specialisti nel trattamento del dolore, con l’affiancamento degli psicologi volontari, che offriranno visite gratuite e altre attività con il supporto delle Associazioni di Volontariato House Hospital e Compagni di Viaggio Onlus.

Annunci

L’autosabotaggio spiegato da Edgar Allan Poe

“Abbiamo di fronte un compito cui dobbiamo rapidamente adempiere, sappiamo che sarebbe rovinoso ritardarlo, la più importante crisi della nostra vita ci sprona, con squillo di tromba, a una energica, immediata azione. Bruciamo, siamo consumati dall’impazienza di cominciare il lavoro, nella previsione di un favorevole risultato, tutto il nostro animo è in fiamme. È necessario cominciare oggi e tuttavia rimandiamo tutto a domani… perché? Non c’è risposta, se non quella che ci sentiamo perversi, usando questa parola senza comprenderne il principio. Arriva l’indomani e con esso un’ansietà ancor più impaziente di fare il nostro dovere, ma con il crescere di questa ansietà arriva anche una esigenza di ritardare, oscura, decisamente paurosa in quanto insondabile, una esigenza che acquista forza man mano che gli attimi volano via. L’ultima ora per agire è vicina. Tremiamo per la violenza del conflitto che è dentro di noi – del definito con l’indefinito – della sostanza con le ombre, ma se la contesa è arrivata così avanti è l’ombra che prevale – invano lottiamo; scocca l’ora ed è il rintocco funebre del nostro benessere, allo stesso tempo il canto del gallo per il fantasma che ci ha così a lungo atterriti. Esso fugge via – sparisce – siamo liberi, ritorna l’antica energia. Lavoreremo ora, ma, ahimè, è troppo tardi!”1

Continua a leggere L’autosabotaggio spiegato da Edgar Allan Poe

Il DSM – 5 tra critiche ed utilità

Prima edizione del DSM (1952)
Prima edizione del DSM (1952)

Il DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) è un sistema nosografico largamente utilizzato in psichiatria, ossia è un sistema di classificazione dei disturbi mentali basato sulla frequenza statistica delle caratteristiche dei fenomeni psicopatologici descritti. Edito per la prima volta nel 1952 dall’American Psychiatric Association (APA), è stato progressivamente aggiornato e migliorato fino a giungere alla sua quinta edizione (DSM – 5), pubblicata nel 2013, e  contiene la definizione e la descrizione di più di 370 disturbi mentali, fornendo un profilo sintomatologico per ciascuno di essi. Questo manuale suggerisce di formulare la diagnosi Continua a leggere Il DSM – 5 tra critiche ed utilità

La Gestalt nell’epoca della complessità

Rubin PSICHE E BENESSEREQuella in cui viviamo può essere definita come l’epoca della complessità, alla luce dei profondi cambiamenti del panorama sociale, economico, politico, culturale che caratterizzano la società contemporanea a livello globale. Le nuove tecnologie informatiche e di comunicazione hanno segnato una trasformazione della società e della cultura, comportando una ristrutturazione del lavoro, del sapere, del modo di vivere. In quest’ottica, anche i rapporti tra gli individui si sono modificati, “liquefatti”, direbbe Bauman. Nell’epoca della “cyber communication” accentuazione dell’individualismo, ritiro affettivo e crisi dei legami sembrano dominare la vita di relazione, Continua a leggere La Gestalt nell’epoca della complessità