Archivio mensile:gennaio 2015

Approccio dinamico e strutturale della teoria psicoanalitica di Freud

Iceberg freud

Sulla base di quanto letto negli articoli precedenti sull’argomento (vedi qui e qui) e di quanto sarà descritto in questo, potremmo dire che la psicoanalisi, per usare le parole di Freud, è «una sorta di economia dell’energia nervosa», ossia della libido o energia psichica. Tale energia ubbidisce alla legge del principio di piacere, ovvero mira ad un appagamento immediato  e ad una scarica completa, per ridurre la tensione ed ottenere piacere. Ma tale appagamento deve avvenire nel rispetto delle norme morali e della cultura della società di appartenenza, deve tenere conto dei limiti imposti dall’ambiente: deve, cioè, obbedire anche al principio di realtà. Quindi l’apparato mentale esamina la realtà e valuta le condizioni e le azioni più adatte da intraprendere per permettere all’energia di scaricarsi. All’inizio della vita il principio di piacere è dominante, il bambino non ammette rinvii nella soddisfazione dei bisogni primari, che cerca di comunicare a chi si prende cura di lui, ad esempio con il pianto. Continua a leggere Approccio dinamico e strutturale della teoria psicoanalitica di Freud